top of page

Calcio e Doping

Aggiornamento: 29 giu 2022

Doping: un vero flagello non solo nel mondo del calcio!!!


Il doping è una categoria che al suo interno comprende una serie di sostanze illegali e vietate da tutte le federazioni, calcistiche e non, sia per evitare di avvantaggiare un atleta in particolare, sia perché sono dannose per lo stato psico-fisico dell’atleta.


Ognuna di queste sostanze dopanti ha uno scopo diverso: gli atleti non si dopano solo per incentivare al massimo le prestazioni, ma anche come scorciatoia vera e propria per raggiungere gli obiettivi sportivi e per potenziarsi al massimo fisicamente (mettere su massa muscolare in fretta) con steroidi e anabolizzanti.



Nei soggetti più fragili emotivamente il doping può creare dei forti attacchi di depressione a lungo termine e a volte delle instabilità mentali ben più gravi, specie se queste sostanze vengono assunte regolarmente.

Il doping rappresenta una minaccia anche a livello fisico poiché disturba e non poco il sistema cardiaco e il sistema circolatorio aumentando drasticamente il rischio di infarto e di tumore, e di abbassare notevolmente le speranze di vita di una persona.


Agli atleti vengono fatti dei test-anti doping a organizzati dalle rispettive federazioni (in Italia il C.ON.I e la F.I.G.C). Sono test a sorpresa, per non permettere all’atleta di inventarsi qualche stratagemma. Quando gli atleti si sottopongono al test anti-doping devono urinare in una provetta che poi sarà sottoposta a delle rigide analisi.


Nel calcio l’ ultima caso di positività al test anti-doping è stato riscontrato in Joao Pedro, giocatore del Cagliari che è stato squalificato, penalizzato e sanzionato.


31 visualizzazioni
bottom of page