top of page

Analizziamo la Roma in vista del 2020/2021

Aggiornamento: 28 giu 2022

La Roma - peri i tifosi della capitale chiamata Lupa (iconica figura romana presente nello stemma) -, ormai da 2 anni a questa parte non è più la squadra capace di tenere testa alla Juventus nella corsa al titolo.



Dopo l' addio del grande e inimitabile Totti alla fine dell'annata 16/17, e di “Capitan Futuro” De Rossi, l' unica vera figura di romanità rimasta era Florenzi, trasferitosi in prestito al Valencia questo gennaio; è probabile (non sicura) una sua cessione l' anno prossimo.


A influire sui loro addii è stata di certo la Dirigenza giallorossa, ormai da anni in vesti americane, con qualche operatore italiano sul mercato come Sabatini, Massara e più recentemente Petrachi, ultimo dei tre ad abbandonare la capitale.


A capo della proprietà però si trova James Pallotta, contestato dai tifosi per aver gestito negli ultimi anni, guadagni che però non sono mai arrivati, complici i grandi investimenti sbagliati: Schick pagato 40 milioni e adesso non rientra più nei piani; uno stadio quasi sempre vuoto e adesso il Covid 19 che ha fatto sprofondare il Bilancio della Roma.

I nuovi acquisti della Roma per l' anno prossimo saranno principalmente in prestito e a parametro zero, non da escludere però gli scambi alla pari. Il primo colpo, Pedro che ha già firmato con La Roma anche se vorrebbe finire la Premier con il Chelsea. Percepirà 3,5 milioni netti per 2 anni, ingaggio abbastanza alto per i giallorossi, che però faranno eccezione per i colpi a parametro zero.



Gli altri giocatori sondati per il mercato in entrata sono Vertonghen e Bonaventura, con la concorrenza di molte squadre tra cui il Napoli di Gattuso.


Saranno cruciali anche le cessioni, i papabili partenti sono certamente giocatori con poco minutaggio ma con un ingaggio alto come Juan

Jesus e Pastore e anche qualcuno dei titolari come Kluivert e Under, due giovani di classe e con un talento enorme, ma dai quali ci si aspettava molto di più.


La dirigenza inoltre è al lavoro per prolungare i numerosi prestiti dei Giallorossi, non potendosi permettere di riscattarli quest'estate, i più importanti sono Smalling, Veretout e Mhykitarian.


Riuscirà la Roma a tornare a combattere per lo scudetto?

63 visualizzazioni

Comments


bottom of page